viaggioxte la tua vacanza su misura Grecia
Grecia > Zante
Richiedi info
Amorgos
Andros
Atene
Calcidica
Citera
Chios
Creta
Dodecanesso
Epiro
Eubea
Folegandros
Fourni
Ikaria
Hydra
Larissa
Lefkada
Meganisi
Milos
Mykonos
Naoussa
Naxos Cicladi
Paros
Patmos
Paxoi
Peloponneso-Messinia
Peloponneso on the road
Piccole Cicladi
Rodi
Samos
Santorini
Serifos
Sifnos
Sikinos
Siros Ermoupolis
Skiathos
Skiros
Sporadi-Alonissos
Tinos
Zante
Escursioni
  Informazioni generali
L’isola è famosa specialmente per la presenza delle tartarughe careta-careta, il tipico paesaggio mediterraneo e la bellezza della propria vegetazione e delle proprie spiagge, “Fior di Levante” cantato dai Veneziani e da Ugo Foscolo.
L’isola è formata ad ovest da una catena montuosa calcarea che culmina a 756 m. e ad est dalla ricca “piana di Zakinthos” propizia alla coltura degli olivi, degli agrumi e dei vitigni locali che producono apprezzati vini bianchi (Delizia, Vedrei).
A sud, nei pressi di Keri, sgorgano in fondo ad un bacino sorgenti di bitume sfruttate nell’antichità per il calafataggio delle navi.
  Località importanti
• ZANTE CITTÀ – Capoluogo e porto principale dell’isola, si arricchì sotto il dominio veneziano di chiese, palazzi e piazze con fontane e portici. In grande parte distrutta dal terremoto del 1953, ma ricostruita conservando l’impronta veneziana originaria. Alla fine del ‘700 e all’inizio dell’800, l’isola si rivela un vivaio di poeti aristocratici: Ugo Foscolo, massimo esponente della letteratura italiana, nacque e trascorse gli anni dell’infanzia a Zante, il greco Dionisios Solomos, autore dell’inno nazionale ellenico, studiò in Italia; Andreas Kalvos, segretario di Ugo Foscolo, le cui opere hanno solo un tema: la madre patria. Oggi i poeti sono anche i cantanti popolar che interpretano con voce melodiosa le celebri barcarole (minòres) locali,le kantades.

• KASTRO – Risparmiata dai terremoti, l’antica cittadella veneziana, situata su un colle a 10m d’ altitudine, offre le splendite vedute sulla città, fino a Navarino e alla fortezza di Clemoutsi, nel Peloponesso.

“GROTTA AZZURA” – Suggestivo il colore e i riflessi che arrivano dal fondo marino.

• LAGANAS, AGRASSI, Ag. Sostis – Una delle più belle spiagge di Zante, frequentatissima dai turisti ma anche il “rifugio” delle tartarughe marine “Caretta caretta”

• KERI – Il lago al sud dell’isola, spiaggia di sabbia. Se siete fortunati potrete fare un “incontro” con la “Caretta- caretta”. Da qui partono i battelli per l’isola di Marathonisi e per altre spiagge non raggiungibili da terra.
  Escursione
La strada che porta a Porto Shiza è di una bellezza straordinaria: vigneti, case rustiche. Da qui con i battelli potete raggiungere le famose Grotte di Maravelia o fare il bagno sulla spiaggia di Navagio, acque turchesi ai piedi di una roccia rossa. Nelle vicinanze si trova il paesino di Kampi con le sue trattorie locali. Dal capoluogo proseguite per la località balneare di Alikes, la cui spiaggia sabbiosa riparata gode di una magnifica veduta sull’isola di Cefalonia. Superate le salite, la strada vi porta ad Anafonitria: qui potete visitare il convento di Anafonitria con la torre medioevale, dove spirò nel 1622 Agios Dionisis, patrono dell’isola. Prossima tappa è il paesino di montagna Volimes, mentre con il battello potete visitate le Grotte Azzurre. Merita una visita anche il paesino di Mpohali con il suo castello: dalla collina c’è una vista indimenticabile (1 km dalla città di Zante).
Luxury: per chi ama l'eleganza
Da gustare
Coniglio al sugo con le tipiche cipolle dolci, baccalà con skordalià (salsa di patate con aglio e olio).
Specialità locali
Il torrone tenero chiamato mandolàto, ladotiri – formaggio, miele, mandorle.
Un ristorante tipico che si trova nella città di Zante è Arekia, con piatti tipici e “kantades”, musica locale.
Feste locali
Non perdete la festa di Agios Dionisios, patrono dell’isola; il 24 Agosto si svolge una grandissima sagra con processione che si snoda attraversando tutta l’ isola.
Come arrivare
In aereo – da Atene, da 1 a 3 voli quotidiani/45 m.
In battello – traghetto giornaliero da Kilini (Zakinthos – Filini, 60 km da Patrasso) /1,5 h.
 
viaggioxte (c)2008 by Viaggioxte - Albo Giornalisti n. 123918 (MI)
Tutti i diritti riservati; vietata la riproduzione anche se parziale.
viaggioxte